«

»

Feb 05 2011

Ed eccoci a rischio nucleare!

Il territorio di Palma di Montechiaro rientra nella lista delle dieci zone destinate ad ospitare le quattro centrali nucleari che in Italia dovrebbero produrre energia. Come previsto, si fanno sentire le reazioni politiche, sindacali, sociali, ma anche dei singoli cittadini giustamente preoccupati di fronte ad un fenomeno che di positivo per la cittadina ha ben poco. Angelo Bonelli, Presidente Nazionale dei Verdi esorta alla mobilitazione democratica la popolazione per dire “no al nucleare” e “si al solare”. I siti attualmente candidati ad ospitare centrali nucleari sul territorio italiano dovrebbero rispondere a precisi requisiti che, a dire il vero, non si riscontrano pienamente nel territorio di Palma di Montechiaro: in primo luogo dovrà trattarsi di zone a basso rischio sismico in prossimità di grandi bacini d’acqua senza però il pericolo di inondazioni e, preferibilmente, lontane da aree densamente popolate. Come ben sappiamo tutta la Sicilia è a rischio sismico e il territorio prescelto in Sicilia è sicuramente densamente popolato. Secondo il Senatore Roberto Della Seta, “il Governo, con l’Italia lontanissima dagli obiettivi vincolanti fissati dalla Ue per le emissioni di anidride carbonica, investe tutte le risorse sull’atomo e le sottrae alle rinnovabili e all’efficienza energetica, scegliendo una strada lunga e costosa. Percorso che sara’ reso ancora più impervio dalle inevitabili e sacrosante proteste dei cittadini, prosegue Della Seta, che non credono alla favola del nucleare pulito e sicuro che Berlusconi e Scajola vanno raccontando da mesi”.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>